PRIMO: NON E’ INDISPENSABILE PARTECIPARE! (Indizio 2007)

di Redazione Giallografia
 
Dove corri?
Fermati!
Chiudi il cassetto!
 
Lo so che si tratta di un lavoro di cui sei particolarmente orgoglioso! So anche che quel noto critico ha avuto parole di apprezzamento per il tuo stile diverso, innovativo, carico di tensione creativa, così come per la tua opera ricca di contenuti e di simbologie importanti. Ancora, so benissimo che questa particolare produzione è pure emblema di cotanta ispirazione!

Tuttavia, è proprio per questo che ti domando: sicuro di non avere sbagliato indirizzo web?
Te lo chiedo perché l’Indizio Nascosto non è un contest letterario come gli altri.
Dirò di più! In realtà, l’Indizio non è (forse) neppure il solito concorso a premi!
Piuttosto, è un gioco! Un gioco letterario, d’accordo, ma sempre un gioco.
Ne deriva che per giocare occorre conoscere le regole!
Quindi, rispettarle!
Fino alla fine!
Altrimenti, si è automaticamente… out, fuori gioco!


Ecco dunque alcune valide ragioni per NON partecipare:

1. Non partecipare se l’unico motivo per cui lo fai è per vendicarti della commissione organizzatrice del Campiello che quest’anno non ti ha incluso nella lista finalisti!

2. Non partecipare se pensi che sia meglio non raccontare una tua eventuale partecipazione agli altri amici scrittori perché, loro lo sanno, tu aspiri a ben altro!

3. Non partecipare se sei sicuro che John Dickson Carr fosse un venditore di macchine usate del South Dakota con la passione per la poesia.

4. Non partecipare se non hai mai letto Dieci Piccoli Indiani!

5. Non partecipare se, dopo aver letto Dieci Piccoli Indiani, lo hai scaraventato fuori dalla finestra, o lo hai usato per sistemare il tavolino traballante nella vecchia cucina della nonna.

6. Non partecipare se hai già dimenticato il plot criminale de Il nome della Rosa!

7. Non partecipare se, negli ultimi dieci anni, hai letto almeno tre romanzi gialli italiani la cui trama criminale ti abbia interamente soddisfatto.

8. Non partecipare se ritieni che il genere giallo sia una sub-categoria artistica per spiriti non illuminati abbastanza.

9. Non partecipare se sospetti che questo sia un altro concorso giallo ideato a tavolino per spillare soldi al dilettante impedito o al professionista sfiduciato, mentre l’unica vera mira è quella di mortificarne le speranze.

10. Soprattutto, ricordati, non partecipare perché NON E’ INDISPENSABILE farlo!


Magari ti ho convinto?
Sì? Amici come prima.
Non ti ho convinto?
Va bene, concordo che forse ho esagerato quel tanto…
Per farmi perdonare, leggi qui di seguito altrettante ottime motivazioni per prendere parte a questo particolare premio letterario:

1. Partecipa se ami le sfide. Se sei uno spirito libero, geniale a suo modo, e che non si vergogna di pensarlo!

2. Partecipa se pensi che scrittori si nasce, ma che grandi scrittori si diventa anche dando il benvenuto alle mille piccole storie che ogni giorno bussano alla nostra porta.

3. Partecipa se ritieni che questa sia una buona occasione per farti conoscere da un pubblico di specialisti.

4. Partecipa se SAI che il plot criminale del tuo romanzo è a prova di bomba, non importa quanti editori abbiano rifiutato di pubblicarlo.

5. Partecipa se ami i rebus, le parole crociate, se le difficoltà nello sbrogliare una matassa non fanno che accrescere la tua determinazione a riuscirci!

6. Partecipa se come scrittore hai il dono di saper creare atmosfera nei tuoi racconti e personaggi capaci di catturare l’immaginazione del lettore.

7. Partecipa se hai l’onestà intellettuale di ammettere che, per quanto riuscita, la tua opera sarà primariamente espressione di un intento ludico.

8. Partecipa se è anche il loro learned wit a farti apprezzare autori come Oscar Wilde, Laurence Sterne, Edgar Alla Poe, Miguel de Cervantes e via così.

9. Partecipa se ritieni che la favolosa Epoca d’Oro del romanzo giallo non debba essere necessariamente finita.

10. Soprattutto, partecipa se ne sei convinto e se, comunque vada, vivrà sempre in te la certezza di avere creato qualcosa di bello. Perché, come diceva  Keats, sono proprio le cose belle a dare gioia. Per sempre!

Che fai?
Corri!
Apri quel cassetto!
 
Rina Brundu Eustace
Dublin, September 2006
All rights reserved ©
 
Featured image, la più famosa illustrazione di Sidney Paget pubblicata sulla rivista britannica Strand Magazine.
Annunci

Tag:, ,

Categorie: Giallo, Giallo classico, Giallografia, Premio Letterario L'indizio nascosto - giallista dell'anno, Rina Brundu

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. La nuova età dell’oro « Giallografia - 11 luglio 2010

    […] hanno comunque prodotto un bellissimo universo di storie all’insegna del nostro primo motto: a thing of beauty is a joy forever. Hanno fatto scoprire una miriade di autori scritturalmente giovani ma che avranno un futuro: da […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: